Cannelloni della nonna

DSC02506

Questa ricetta era della mia nonna materna, la preparava ad ogni festa importante come Natale, Pasqua, battesimi, comunioni ma la faceva specialmente la settimana dopo Pasqua, per la processione di S.Francesco; sin da piccola osservavo i suoi gesti lenti, sicuri nel sistemare ogni cosa al suo posto, i piatti coi vari ingredienti disposti intorno sulla tavola, la grande pentola smaltata piena di sugo, le tantissime polpettine minuscole che dovevano essere esattamente adatte ai cannelloni, né più grandi né più piccole.
L’ho imparata così, guardando lei, ad ogni festa, e gustandola quando ci faceva le porzioni, ognuno con la nostra età, quella del papà e degli zii era di sei cannelloni 😀
Ormai sono tanti anni che non c’è più la tradizione della settimana dopo Pasqua, lei è andata via, ma come è ovvio la penso sempre!
Ecco la ricetta:

Ingredienti:
cannelloni – ragù di carne (fatto con carne di manzo, passata di pomodoro, cipolla, carota, sedano)
provola soresina – salame – uova sode – grana o parmigiano
polpettine fritte (fatte con manzo macinato, uova, pan grattato, prezzemolo, formaggio, sale, pepe)

Preparazione:
Il giorno prima impastare le polpettine, formarle nella misura di una nocciola, friggerle;
preparare il ragù e farlo cuocere a fuoco lento per tutto il tempo necessario; una volta cotta la carne, sminuzzarla e metterla da parte;
il giorno della festa, rassodare le uova, farle raffreddare e tagliarle a pezzetti, tagliare cubetti di provola e di salame, prendere la carne da ragù, porre ognuno degli ingredienti in piatti diversi pronti per riempire i cannelloni;
per riempire procedere così: una polpettina, pezzetti di carne, uova, provola, continuare con il resto degli ingredienti, finire con un’altra polpettina; porre via via i cannelloni così riempiti in una teglia, dove prima avevamo messo il sugo ristretto del ragù. Fare due strati di cannelloni, uno sull’altro, finire con abbondante sugo e formaggio grattugiato, porre in forno a 200 gradi per 40-50 minuti, servire tiepidi, in modo che tutto il composto si compatti bene e tenga la forma nel piatto.

nota: tutti gli ingredienti devono essere freddi, non necessariamente dal frigo, ma importante che non siano bollenti, perché i cannelloni si crepano ancora crudi.

dedicata alla mia cara nonna Santa.

 

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con
Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 3.0 Italia

 

 

post

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Be Sociable, Share!

Comments

  1. Oddea mi hai fatto venire una fame!!!
    Sono buonissimi, mi segno la ricetta della tua nonna perché a me i cannelloni non vengono mai bene >.<

I commenti sono chiusi